Soccorso Stradale e carro attrezzi: cosa fare quando l’auto si ferma

0
370
soccorso stradale

Praticamente tutti noi abbiamo un’auto, la usiamo per lavoro e per piacere, ma di certo non possiamo farne a meno. Purtroppo, le nostre vetture non sono indistruttibili. L’inconveniente può verificarsi in qualsiasi momento, non importa che la vostra vettura sia anziana o nuova di pacca, arriva quel rumorino e poi l’auto si ferma. È capitato a tutti prima o poi, a me è successo un mesetto fa: auto in panne e una grande fumata. Ahimè, dopo anni di onorato servizio, la mia fida compagna a quattro ruote mi ha abbandonato. Ed è qui che entrano in gioco soccorso stradale e carro attrezzi. Cosa fare in quei casi? Scopriamolo insieme.

Chi chiamare per il soccorso stradale?

La prima cosa da fare è – se possibile, ovviamente – trovare un’area per fermarsi in sicurezza. Il secondo è step è posizionare il triangolo ad almeno 50 metri dal proprio veicolo, ricordatevi che deve essere visibile ad almeno 100 metri di distanza stando all’art. 162 del Codice della Strada. Non dimenticate il gilet catarifrangente, la cosa più importante è la vostra sicurezza. Adesso però dobbiamo pensare alla macchina. Esistono numerosi servizi che offrono Soccorso Stradale 24, ma solo gli autorizzati possono intervenire se il guasto si è verificato in autostrada. Se, invece, il problema è causato da incidente, è necessario contattare le forze dell’ordine.

Il servizio di soccorso stradale più noto nel nostro paese è quello legato ad Automobile Club d’Italia, meglio conosciuto con l’acronimo ACI. Si tratta di un ente pubblico non economico fondato nel lontano 1926, che offre tariffe standard a tutti i cittadini e tariffe a prezzi scontati per chi sottoscrive un abbonamento. Il servizio è accessibile tramite la numerazione 803116 (numero verde) o attraverso le colonnine di servizio presenti sulle strade italiane. Purtroppo, a meno che non siate soci ACI, l’esborso non è da sottovalutare e va commisurato alla distanza che il carro attrezzi dovrà percorrere. L’addetto al soccorso stradale, inoltre, non vi accompagnerà alla destinazione che dovevate raggiungere, si limiterà bensì a portare il veicolo alla più vicina officina convenzionata.

I costi del soccorso stradale

Ecco il tasto dolente, abbiamo già accennato alle cifre in ballo ma ora andiamo a vedere nel dettaglio quali sono i costi per il soccorso stradale ACI. Due tariffe base: 115,40 euro per interventi diurni durante giornate lavorative e 138,40 per interventi durante giornate festive e in fascia notturna. Non è tutto, infatti dobbiamo considerare le operazioni di recupero: 46 o 55.20 euro, sempre in base a giornata e fascia oraria. Ricordate che i costi riportati valgono per un trasferimento al primo centro operativo nell’arco di 5 chilometri, per ogni chilometro supplementare è applicato un ulteriore rincaro.

Soccorso stradale: quali alternative al soccorso ACI?

Esistono alternative, più o meno convenienti, sono tante le compagnie assicurative che prevedono opzioni relative a soccorso stradale e carro attrezzi. Tra queste, abbiamo Generali, Genialloyd, Allianz e Axa, giusto per citare alcune delle compagnie più famose. C’è anche Telepass Premium, servizio che va a integrare il famoso abbonamento Telepass con l’aggiunta di 1.50 euro al mese. Tra le numerose agevolazioni proposte, è disponibile anche un servizio di soccorso stradale e carro attrezzi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here