Autodromo di Pergusa: alla scoperta del circuito più suggestivo d’Italia

0
702
auto

L’Italia è senz’altro una nazione ricca per quel che riguarda la disponibilità di autodromi: considerando le sole strutture munite di regolare certificato di omologazione rilasciato da Automobile Club d’Italia o dalla Federazione Internazionale dell’Automobile, nell’intero Paese se ne contano 17.

Ogni autodromo italiano merita di essere considerato speciale, ognuno di essi, infatti, ha alle spalle la sua storia ed ha ospitato delle competizioni importanti, tuttavia quello più suggestivo dal punto di vista strutturale è senz’altro l’Autodromo di Pergusa, situato in Sicilia, ad Enna.

Autodromo di Pergusa: perché è considerato unico nel suo genere

La grande particolarità dell’Autodromo di Pergusa è nel fatto che circonda l’omonimo lago: tutte le parti della pista, infatti, si trovano a ridosso dello specchio d’acqua, ribadendone fedelmente i contorni.

Sebbene il Lago di Pergusa sia piuttosto piccolo, la sua superficie è infatti di 1,4 chilometri quadrati, mentre la sua profondità non supera i 12 metri, esso è particolarmente intrigante dal punto di vista paesaggistico, sorgendo in un’area naturale straordinariamente ricca di flora e di fauna, non a caso l’Unione Europea lo ha ufficialmente riconosciuto come sito di interesse comunitario.

Il Lago di Pergusa è una tappa immancabile per tutti i turisti che raggiungono Enna e, più in generale, questa zona della Sicilia, e offre degli scorci davvero splendidi, in cui l’acqua va a fondersi con il verde tipico della macchia mediterranea.

Il circuito si fonde alla perfezione con il contesto naturale

Pur sorgendo, come detto, attorno al lago, l’Autodromo di Pergusa è stato realizzato rispettando il bellissimo contesto naturale, e va a fondersi con lo stesso in modo molto armonioso e discreto.

Le fotografie delle numerose sfide che si sono tenute su questo circuito italiano sono uniche nel loro genere: osservare le auto che si danno battaglia in pista e, sullo sfondo, un paesaggio degno di una cartolina, è davvero un qualcosa di molto suggestivo.

Altre interessanti informazioni sull’autodromo

Autodromo di Pergusa è una struttura notevole anche per dimensioni: la sua pista, lunga 4,95 Km, lo colloca al quarto posto tra gli autodromi italiani dopo il Nardò Technical Center di Nardò, in provincia di Lecce, l’Autodromo Nazionale di Monza e l’Autodromo Internazionale del Mugello di Scarperia e San Piero, in provincia di Firenze.

Importante è anche la capienza delle sue tribune, le quali possono ospitare ben 5.400 spettatori.

Scopriamo qualcosa anche per quel che riguarda la sua storia: l’Autodromo di Pergusa è nato nel lontano 1951 ed attorno agli anni Duemila il suo utilizzo è stato sospeso per lavori di ristrutturazione della pista.

La sospensione è stata più lunga del previsto anche per via di alcune lungaggini burocratiche, fino a quando nel 2011 l’autodromo ha ripreso la sua attività munito di regolare omologazione.

Circuito utilizzato anche per i cosiddetti “track days”

È interessante sottolineare che oggi questo autodromo siciliano ospita anche i cosiddetti track days, ovvero speciali eventi in cui il circuito viene messo a disposizione di autisti non professionisti.

Chi possiede un’auto sportiva e vuol provare l’ebbrezza di utilizzarla su questa celebre pista, dunque, può far riferimento ai siti Internet di società che organizzano simili eventi come Track-Days.it per scoprire quando sono previsti i prossimi appuntamenti presso l’Autodromo di Pergusa.