Home Concept car Aurora (automobile del 1957)

Aurora (automobile del 1957)

0
17

L‘ Aurora era un’automobile americana fabbricata da padre Alfred A. Juliano, un prete cattolico , dal 1957 al 1958. L’Aurora è probabilmente il primo veicolo sperimentale di sicurezza mai realizzato, ancor prima della coniazione dell’inizializzazione dell’ESV . Questa safety car doveva essere disponibile con un motore Chrysler , Cadillac o Lincoln , costruito su un telaio Buick . Tuttavia, l’Aurora Motor Company di Branford, nel Connecticut , parzialmente finanziato dalla congregazione di Juliano, ha cessato l’attività dopo aver prodotto un solo prototipo da $ 30.000 .

Juliano aveva studiato arte prima di entrare nel sacerdozio e ha espresso un interesse permanente per il design automobilistico . La sua famiglia disse che aveva vinto un’ambita borsa di studio dalla General Motors per studiare con Harley Earl , che arrivò solo dopo che era già stato ordinato . Tuttavia, ha mantenuto il suo interesse per il design automobilistico, che ha combinato con la convinzione che ci fosse molto che potrebbe essere fatto per rendere le auto attuali più sicure.

Concepito, inventato e costruito da Juliano, l’Aurora era una vettura con un corpo in vetroresina lungo 17 piedi (5,49 m) che aveva due anni di lavoro e richiedeva tre anni per essere costruita. L’alta qualità della lavorazione era „sbalorditiva“, in particolare nel corpo in fibra di vetro e nelle finestre di plastica. Ad un prezzo al dettaglio di $ 12.000,00, sarebbe stato valutato appena sotto l’auto più costosa negli Stati Uniti, il $ 13.000,00 Cadillac Eldorado Brougham . Il corpo, che si dice sia ammaccato , ruggine e resistente alla corrosione , è stato specificamente progettato per i viaggi in autostrada a lunga distanza. Il veicolo aveva un tetto in „astrodome“ colorato, trasparente e in plastica con tonalità metalliche interne regolabili. Cruscottomartinetti idraulici controllati montati nel telaio assistiti nel cambio gomme. La ruota di scorta , situata sotto la parte anteriore, era montata su una piattaforma che avrebbe abbassato il pneumatico a terra senza contatto manuale.

Il veicolo aveva molte caratteristiche legate alla sicurezza delle auto , nuove al momento, alcune ormai di routine. Queste caratteristiche includevano cinture di sicurezza , un roll -bar, un cruscotto imbottito , barre antiurto e un piantone dello sterzo pieghevole . Il posizionamento della ruota di scorta sotto la parte anteriore serviva ad assorbire gli urti . La caratteristica di sicurezza più innovativa, che non è stata incorporata in altre vetture, è stata la possibilità di orientare i sedili verso il retro in caso di imminenza di una collisione.

L’Aurora è principalmente ricordata per il suo aspetto, tuttavia, ed è spesso citata in elenchi delle auto più brutte di sempre, spesso come la singola macchina più brutta. Questa valutazione è in gran parte dovuta a due fattori, oltre alla generale „swoopiness“ della vettura tipica dello stile „futuristico“ dell’epoca: il frontale spalancato e il parabrezza a bulbo , entrambi dettati da considerazioni di sicurezza. Il parabrezza sporgente è stato progettato per eliminare l’impatto con le teste degli occupanti, nell’era precedente agli air bag , mentre la parte frontale simile a quella di uno scafo fungeva da paraurti riempito di schiuma , progettato per raccogliere non solo aria, ma anche pedoni senza lesioni .

Il prototipo aveva un corpo in fibra di vetro sopra una struttura in gran parte di legno costruita sul telaio recuperato di una Buick del 1953 , che non era adeguatamente testata prima della presentazione pubblica del 1957 e si interruppe per 15 volte durante la conferenza stampa, richiedendo il traino fino a 7 garage diversi; principalmente a causa dell’intasamento del sistema di alimentazione , che era rimasto inutilizzato negli ultimi quattro anni. Dopo l’inauspicio inizio delle ore di arrivo in ritardo per la sua presentazione, la vettura non ha ispirato il pubblico a causa del suo aspetto, della mancanza di prestazioni e del prezzo elevato, e non c’erano ordini in anticipo.

Le finanze della compagnia furono messe in discussione; Juliano affermò che era stato istigato da General Motors e si paragonò a Preston Tucker . Fu indagato dall’IRS , accusato dalla Chiesa cattolica di appropriazione indebita delle donazioni dei parrocchiani e costretto a lasciare l‘ Ordine dello Spirito Santo . Ma in realtà, lui stesso aveva approfondito il debito personale finanziando la società, e alla fine dichiarò bancarotta , privando il prototipo di un negozio di riparazioni come garanzia per le fatture di riparazione non pagate. Passò attraverso diverse mani prima di essere infine abbandonato dietro una carrozzeria di Cheshire nel 1967. Juliano morì di emorragia cerebralenel 1989.

Nel 1993, l’auto fu scoperta dall’appassionato di auto britannico Andy Saunders di Poole , Dorset , in uno sketch in un libro sulle auto da sogno ; „Era così brutto che era irreale.“ Ho detto subito, „Devo ammetterlo.“ Dopo diversi anni di ricerche, alla fine ha rintracciato l’auto con il nome del garage sullo sfondo di un la fotografia della macchina, l’ho acquistata a un prezzo non visto per $ 1.500, e l’ho spedita in Gran Bretagna per altri $ 2.000. La vetroresina e la struttura in legno della vettura si sono rivelate terribilmente deteriorate dall’esposizione, così come il parabrezza interno e di plastica. Restauroè stato ulteriormente complicato da una mancanza di documentazione adeguata o persino fotografie dell’auto, dall’assenza del defunto padre Juliano di assistere come consulente e dalla mancanza di pezzi di ricambio per un prototipo di veicolo. Tuttavia, il restauro fu completato all’inizio del 2005, e l’auto fu svelata a un pubblico recentemente ridestato al Goodwood Festival of Speed ed è ora esposta nel Beaulieu Motor Museum .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here