Il Raptor Zagato , a volte indicato come il Lamborghini Raptor , è un concept car design creato nel 1996 da Zagato in collaborazione con Alain Wicki per Lamborghini . Il corpo è caratterizzato dal design a „doppia bolla“ Zagato e dal design innovativo delle portiere, dove l’intera sezione centrale dell’auto ruota in avanti e indietro. Il telaio è preso in prestito da una Lamborghini Diablo 4WD . Il progetto è stato completato e un veicolo campione esposto al Salone dell’Auto di Ginevra nel 1996. Al momento della presentazione, si è creduto che l’auto fosse pronta per la produzione.

Utilizzando il propulsore e il motore V12 da 492 CV (367 kW) del Diablo, ma eliminando il sistema di frenata antibloccaggio (ABS) e il sistema di controllo della trazione , nonché l’uso estensivo della fibra di carbonio per il lavoro sul corpo, il veicolo è stato notevolmente più leggero del Diablo, quindi potenzialmente più veloce. Per compensare la mancanza di ABS e le maggiori velocità potenziali, è stato utilizzato un aggiornamento dal sistema di frenatura di Diablo.

La maggior parte delle fonti dei media ha ipotizzato che sarebbe stata un’auto eccellente per colmare il divario tra Diablo e il suo successore, poi chiamato Canto , ma Lamborghini non ha prodotto il Raptor. Alain Wicki cercò brevemente di svilupparlo da solo con l’aiuto di Zagato, ma nulla diventò dei suoi sforzi. Possedeva l’unico prototipo fino al 2000, quando fu venduto all’asta al Salone dell’Auto di Ginevra e acquistato da un collezionista di auto private. [1]