La Maserati Birdcage 75th era una concept car creata e progettata da un team di design Pininfarina guidato da Lowie Vermeersch , tra cui Jason Castriota e Giuseppe Randazzo sotto la direzione di Ken Okuyama . [1] È stato introdotto per la prima volta al Salone dell’Auto di Ginevra 2005 . E ’stato nominato per onorare le classiche Birdcages Maserati degli anni ’60 e il 75 ° anniversario di Pininfarina . L’intento originale della vettura è stato discusso e seguito originariamente da Paolo Pininfarina , Pininfarina SpA, Franco Lodato e Peter Aloumanis, daMotorola durante un incontro di lavoro nel settembre 2004 a Pebble Beach, in California citazione necessaria ] .

Chassis

Il Birdcage 75th è costruito sul telaio in fibra di carbonio di una Maserati MC12 GT1 e condivide molti componenti, in particolare il motore. [1] Il Birdcage 75th è alimentato dal motore Ferrari / Maserati F140 V12 dell’MC12 e dell’Enzo , montato a metà a 65 °. Il motore è stato messo a punto per Birdcage e come risultato produce circa 700 cavalli di freno .

Carrozzeria

The Birdcage 75th, con il baldacchino aperto, allo stesso show.

Il corpo della vettura è stato progettato da Pininfarina per celebrare il 75 ° anniversario dell’azienda. Un documentario intitolato „Sleek Dreams“ è stato girato in merito al processo di progettazione di sei mesi. L’esterno è realizzato in fibra di carbonio con diffusori nella parte posteriore e due spoiler che si alzano automaticamente alla velocità. Il parabrezza è realizzato in perspex e si estende quasi dalla parte anteriore verso il retro della vettura; questa è una necessità a causa della posizione bassa del guidatore – se il parabrezza fosse finito più in alto, non sarebbero in grado di vedere la strada in arrivo. [1] Questo problema di visibilità è aggravato dalle omissioni tipiche della concept car come gli specchietti retrovisori esterni.

Manca anche la Birdcage; invece, una cupola a bolle composta da gran parte della carrozzeria anteriore può essere sollevata, in modo simile a Bond Bug , Ferrari Modulo e Saab 2006 Aero X concept car. Tuttavia, dal momento che il modello dimostrativo solitario manca di climatizzazione o di qualsiasi forma di controllo climatico, e la bolla fornisce un sostanziale ‚effetto serra‘, i giornalisti (tra cui Harry Metcalfe di evo Magazine ) che guidano il veicolo sono stati dichiarati costretti a tenere la bolla leggermente aperta nei giorni caldi per rinfrescare l’interno dell’auto.

Interior

La cabina ha un display head up (HUD) che viene proiettato su un pannello trasparente sollevato al centro del cruscotto. Mostra informazioni che di solito appaiono sugli strumenti del cruscotto, incluso il tachimetro e il tachimetro. Inoltre è proiettata un’immagine digitale del tradizionale orologio analogico Maserati . [1]

Design

Secondo il designer Ken Okuyama il tema dell’auto è la connettività e „il centro del volante è un dispositivo di controllo molto simile a un cellulare“. [1] L’auto ha un auricolare bluetooth per telefoni cellulari progettato da Motorola e diverse fotocamere in modo che il conducente possa „condividere [la sua] esperienza di guida con gli altri“. [1]

Vedi anche

  • Porta a baldacchino

Riferimenti

  1. ^ Salta fino a:f „Maserati’s bird of paradise“ . Top Gear . 1 giugno 2005. Archiviato dall’originale il 17 marzo 2007 . Estratto l’8 marzo 2015 .