La Lancia Fulvia (Tipo 818) is an automobile produced by Lancia between 1963 and 1976. Named after Via Fulvia, the Roman road leading from Tortona to Torino, it was introduced at the Geneva Motor Show in 1963 and manufactured in three variants: Berlina 4-door saloon, 2-door Coupé, and Sport, an alternative fastback coupé designed and built by Zagato on the Coupé floorpan.

I Fulvia sono noti per il loro ruolo nella storia del motorsport , tra cui la vittoria del Campionato Internazionale Rally nel 1972. [2] Nel testare una Fulvia nel 1967, Road & Track lariassunse come „un’auto di precisione, un tour de force di ingegneria“. [3]

Specifiche

Chassis

La Fulvia Berlina fu progettata da Antonio Fessia, in sostituzione della Lancia Appia con la quale non condivideva quasi nessun componente. L’Appia era una macchina a trazione posteriore , tuttavia, mentre la Fulvia si spostava alla trazione anteriore come la Flavia . La progettazione ingegneristica generale della Fulvia era identica a quella della Flavia con la principale eccezione del motore, la Flavia con un motore a quattro cilindri orizzontalmente opposto e la configurazione Fulvia a ‚Narrow Angle‘ come descritto sulla maggior parte delle Lancia di produzione dal Lambda . La Fulvia usava un motore longitudinale montato davanti al suo transaxle . Una sospensione indipendente davanti ha usato le forcellee una singola molla a balestra , mentre sul retro era usato un asse a trave con una barra panhard e molle a balestra. I freni a disco Dunlop a quattro ruote sono stati montati sulla prima serie Fulvias. Con l’introduzione della seconda serie nel 1970 i freni furono potenziati con le più grandi pinze Girling su tutti i lati e un servofreno. Anche il design del freno a mano è stato modificato, utilizzando tamburi separati e ganasce del freno che operano sulle ruote posteriori.

Motore

Un elemento che era nuovo era il motore V4 ad angolo stretto . Progettato da Zaccone Mina, utilizzava un angolo stretto (12 ° 53’28 „) ed era montato ben avanti con un angolo di 45 ° Il motore è un modello DOHC con un albero a camme che aziona tutte le valvole di aspirazione e un altro aziona tutte le valvole di scarico. L’angolo molto stretto dei cilindri consentiva l’uso di una testata monocilindrico .

Il dislocamento è iniziato a soli 1091 cc con 58 CV (44 kW) con alesaggio da 72 mm e corsa da 67 mm. Un rapporto di compressione più elevato (9.0: 1) e l’equipaggiamento dei carburatori gemellati Solex hanno aumentato la potenza a 71 CV (53 kW) poco dopo.

Il motore è stato forato a 6 mm per allargare il dislocamento a 1216 cc per il modello HF . Questo, e un po ‚di messa a punto, ha portato la produzione a 80-88 CV (da 60 a 66 kW).

Il motore è stato riprogettato con un angolo di banco leggermente più stretto (12 ° 45’28 „) e più lungo (69,7 mm) per il 1967. Sono stati prodotti tre cilindri: 1199 cc (alesaggio 74 mm), 1231 cc (alesaggio 75 mm) e 1298 cc (alesaggio di 77 mm) Il nuovo motore 1298 cc è stato prodotto in due versioni: il modello 818.302 ha prodotto 87 CV (65 kW) a 6000 giri / min ed è stato montato sulla 1a serie Coupés, Sports e Berlina GTE e successivamente sul Seconda Serie Berlina Il Tipo 818.303 fu prodotto per la prima volta con 92 CV (69 kW) e fu montato sulla 1a serie Coupé Rallye S e Sport S. Per la 2a Serie Coupé e la potenza sportiva fu leggermente ridotta a 90 CV (67 kW) a 6000 giri / min Il motore da 1199 cc era montato solo sulla Berlina venduta in Grecia .

Il motore è stato completamente rielaborato per la nuova 1.6 HF con un angolo ancora più stretto (11 ° 20 ‚ora) e una corsa più lunga di 75 mm combinata con un alesaggio di 82 mm gli ha dato una cilindrata di 1584 cc e la potenza variava da 115 a 132 bhp (da 85 a 98 kW) a seconda della melodia.

Storia del modello

Berlina

Serie I
  • Berlina (Tipo 818.000 / 001): 1963-64. Una berlina a quattro porte compatta, introdotta nel 1963 con un motore a carburatore singolo bicilindrico da 1098 cc che produce 58 CV (58 kW) a 5800 giri / min.
  • Berlina 2C (Tipo 818.100 / 101): 1964-69. Berlina migliorata e più potente fu lanciata verso la fine del 1963, con un motore da 71 CV (53 kW) equipaggiato con carburatori DoublexTwin-choke Solex . La scocca ha anche rivisto i supporti del telaio ausiliario anteriore. Distinto da un distintivo „2C“ smaltato sulla calandra del radiatore e sulla scritta posteriore „Fulvia 2C“.
  • Berlina GT (Tipo 818.200 / 201/210/211): 1967-68. Introdotto nel 1967 con il motore 1216 cc (più tardi 1231 cc) della Coupé, producendo 80 CV (60 kW) a 6.000 giri / min. Distinto da uno stemma smaltato „GT“ sulla griglia del radiatore e sulla scritta „Fulvia GT“ posteriore.
  • Berlina „Grecia“ (Tipo 818.282 / 292): 1967-69. Versione solo Grecia dotata di un motore 818.282 1.2 litri (1.199 cc) più piccolo, con 78 CV (57 kW, 77 CV) a 6.200 giri / min.
  • Berlina GTE (Tipo 818.310 / 311): 1968-69. Presentato nel 1968 con il motore 1298 cc (818.302) della Coupé Rallye 1.3, per una potenza di 87 CV (65 kW) a 6000 giri / min. Inoltre i freni sono stati potenziati con un servofreno.
Serie II

La berlina Fulvia fu aggiornata nell’agosto del 1969 con un corpo ridisegnato su un passo più lungo di 20 mm (0,8 in) e un interno aggiornato. Una linea del tetto modificata forniva anche più spazio per i passeggeri dei sedili posteriori. [4]

  • Berlina (Tipo 818.610 / 611): 1969-70. Serie 2 introdotta nel 1969 con 1298 cc.
  • Berlina „Grecia“ (Tipo 818.682): 1969-70. Serie 2 Versione con spostamento limitato solo in Grecia; il motore 818,282 da 1,2 litri è rimasto invariato.
  • Berlina (Tipo 818.612 / 613): 1970-72. Aggiornato la serie 2, introdotto nel 1970 con il motore 1298 cc (818.302) e il cambio a 5 marce. Le pinze e le pastiglie Girling più grandi sostituirono il sistema Dunlop montato sulle vetture della prima serie.
  • Berlina „Grecia“ (Tipo 818.694): 1970-72. Aggiornato con il cambio a 5 marce come il normale berlina.

Coupé

La Fulvia Coupé era una coupé a tre porte compatta a tre porte, introdotta nel 1965. Come la berlina fu progettata internamente da Piero Castagnero. Il coupé utilizzava un passo più corto di 150 mm (5,9 pollici). Fu l’ultimo modello Fulvia a essere sospeso, sostituito solo nel 1977 da una versione da 1.3 litri della Beta Coupé . All’uscita dalla fabbrica, solo alcune delle Coupé montarono originariamente pneumatici Pirelli Cinturato 165HR14 (CA67). citazione necessaria ]

Serie I
  • Coupé (Tipo 818.130 / 131): 1965-67. Equipaggiato con un motore 818.100 da 1.216 cc, dal 1967 ingrandito a 1.231 cc producendo 80 CV (60 kW) a 6.000 giri / min. Gli stessi motori furono successivamente utilizzati sulla Berlina GT.
  • Coupé HF (Tipo 818.140): 1966-67. Versione di competizione della coupé introdotta più tardi nel 1965, dotata di una versione accordata del motore da 1.216 cc che produceva 88 CV (66 kW) a 6.000 giri / min. La carrozzeria è stata alleggerita rimuovendo i paraurti, utilizzando un cofano in alluminio, porte e cofano del bagagliaio, vetri laterali e posteriori in plexiglas e ruote in acciaio nudo senza coprimozzo.
  • Rallye 1.3 HF (Tipo 818.340 / 341): 1967-69. HF da 1,3 litri. Nuovo motore da 1.298 cc con 101 CV (75 kW) a 6.400 giri / min.
  • Rallye 1.3 (Tipo 818.330 / 331): 1967-68. Un coupé aggiornato con il motore 818.302 da 1,298 cc con 87 CV (65 kW) a 6.000 giri / min.
  • Rallye 1.3 S (Tipo 818.360 / 361): 1968-70. Aggiornato, più potente Rallye 1.3 con un nuovo 818.303 motore da 1.298 cc che produce 92 CV (69 kW) a 6.000 giri / min.
  • Rallye 1.6 HF (Tipo 818.540 / 541): 1969-70. Conosciuto come Fanalone („grandi lampade“) a causa della caratteristica coppia interna di fari interni. L’evoluzione di Rallye 1.3 HF, equipaggiata con un nuovissimo motore 818.540 da 1.584 cc che produce 115 CV (86 kW) a 6.500 giri / min. Altre modifiche hanno incluso la geometria della sospensione anteriore del camber negativo, con cerchi da 6 pollici in lega leggera da 13 pollici; e un riduttore a 5 rapporti e prolunghe passaruota a rapporto ravvicinato. Il modo più semplice per distinguere questa versione è dai fori triangolari tra i proiettori e la griglia. [5]
    • Rallye 1.6 HF tipo 818.540 variante 1016: 1969-70. Opere Rally-spec Fanalone, prodotto in numero molto limitato. La Fulvia più potente con un motore da 1.584 cc che produce fino a 132 CV (98 kW) a seconda della melodia. Questa è stata la versione utilizzata dal team di rally di lavori fino al 1974, quando è stata sostituita in competizione dalla Stratos HF . Alesaggio 45 mm Sono stati utilizzati i carburatori Solex che sono stati successivamente sostituiti da 45 DCOE Webers . Il coprivista aveva una striscia blu speciale sul paintjob giallo (le macchine HF avevano solo un paintjob giallo).
Serie II
  • Coupé 1.3 S (Tipo 818.630 / 631): 1970-73. Corpo sollevato dal volto e nuovo cambio a 5 marce con motore da 1298 cc (818.303) che produce 90 CV (67 kW) a 6000 giri / min. Le pinze e le pastiglie Girling più grandi sostituirono il sistema Dunlop montato sulle vetture della prima serie.
    • Coupé 1.3 S Montecarlo : 1972-73. Edizione speciale basata sulla 1.3 S, che commemora la vittoria di Lancia al Rally di Montecarlo del 1972 . La livrea assomigliava all’auto da lavoro, con cofano nero opaco e coperchio del bagagliaio con adesivi stile targa Monte Carlo. Questa versione ha usato il suo bodyshell con archi ruota svasati, simili ma diversi dalla scocca 1.6 HF. Altri equipaggiamenti includevano montaggi interni HF Lusso come sedili anatomici con poggiatesta, fendinebbia rettangolari anteriori, senza paraurti e specchio nero ad ala singola; Furono montate ruote in acciaio 4.5J della Coupé standard.
  • Coupé 1600 HF (Tipo 818.740 / 741): 1970. Corpo in acciaio con sollevamento frontale con motore da 1.584 cc con carburatore Solex C42DDHF che produce 115 CV (86 kW) a 6.000 giri / min. La carrozzeria è stata sostituita dalla 1.3 standard Coupé per incorporare gli archi passaruota svasati (sostituendo le estensioni utilizzate sugli HF della 1a serie).
  • Coupé 1600 HF „Lusso“ (Tipo 818.740 / 741): 1970-73. Come 1600 HF, ma con finiture extra, radio e dotato di paraurti. Principalmente prodotto per l’esportazione.
  • Coupé 3 (Tipo 818.630 / 631): 1974-76. La coupé aggiornata è stata introdotta nel 1974, meccanicamente uguale alla precedente serie 2 1.3 S tranne che per l’aggiunta del controllo delle emissioni sui carburatori Solex. Oltre che per i distintivi „Fulvia 3“, è facilmente riconoscibile per il suo telaio nero opaco grigliato e il faro. Ha caratterizzato la nuova progettazione di posti che incorporano poggiacapi e nuovi quadranti di strumento di faccia bianchi con una gamma aggiornata di colori ordinati, materiali e opzioni.
    • Coupé 3 Montecarlo : 1974-76. Come il precedente Montecarlo, ma con gli equipaggiamenti Coupé 3.
    • Safari : 1974-76. Un’edizione limitata basata sullo standard Coupé 3 con finiture e attrezzature semplificate, che celebra la partecipazione di Fulvia al Safari Rally . Venne senza paraurti, con finiture esterne nere opache, sedili imbottiti in tessuto denim e similpelle, stemmi esterni sul cofano e sul cofano del bagagliaio e anche targa speciale numerata sul cruscotto. [6]

Sport

La Fulvia Sport era una 2- fastback fastback basata su meccanica Coupé, costruita per Lancia da Zagato, dove era stata progettata da Ercole Spada . [7] Lo Sport fu commissionato da Lancia a Zagato come versione più aerodinamica e più sportiva della coupé, che poteva essere usata nelle competizioni su strada e su pista.

Serie I

Tre peculiarità del corpo sportivo erano il cofano motore incernierato sul lato destro, il portello posteriore, che poteva essere sollevato elettricamente di una manciata di centimetri per aiutare la ventilazione della cabina, e la ruota di scorta, alloggiata in un vano separato, accessibile da un pannello girevole che conteneva la targa posteriore. [8] Le luci posteriori sono state acquistate dalla NSU Prinz 4 . [8]

  • Sport (Tipo 818.132 / 133): 1965-67. Presentato al Salone di Torino del 1965 , il primo Sport aveva una scocca in lega di alluminio e utilizzava il motore da 1.2 litri (1.216 cc) della coupé. [8] All’interno riprendeva il cruscotto con la cornice in legno della coupé e presentava due piccoli sedili anatomici del design di Zagato. [8] Solo 202 sono stati fatti in totale.
  • Sport 1.3 (Tipo 818.332 / 333): 1966-69. Nel 1966 lo Sport fu potenziato con un motore 818.302 da 1.298 cc del Rallye 1.3, producendo 87 CV (65 kW) a 6.000 giri / min. Le prime versioni avevano ancora tutte le scocche in alluminio (700 sono state prodotte con motori da 1.216 cc e 1.298 cc), ma quelle successive sono state dotate di scocche in acciaio con cofano in alluminio, porte e sportello di scorta. Mentre il primo Sport era omologato come un biposto, l’auto era ora classificata come tre posti o 2 + 1. Il 1.3 può essere distinto dal 1.2 per le sue ruote in acciaio argentato anziché in acciaio avorio e lo specchietto laterale sull’ala anteriore lato guida.
  • Sport 1.3 S (Tipo 818.362 / 363): 1968-69. Uno Sport 1.3 aggiornato con un motore da 1.298 cc (818.303) che produce 92 CV (69 kW) a 6.000 giri / min. Questi sport erano normalmente dotati di servofreno. È riconoscibile dai suoi coprimozzi più grandi , decorati con loghi a bandiera Lancia invece di essere semplici. [8]
Serie II

La seconda serie Fulvia Sport è stata lanciata al Salone di Torino 1970. Le modifiche includevano un cambio a 5 marce, una geometria delle sospensioni riveduta, un’altezza di guida più alta, un alternatore al posto della precedente dinamo , una trasmissione finale più alta rispetto alle coupé e pneumatici più larghi. [8] Il corpo era ora interamente in acciaio e sedeva 2 + 2 passeggeri. [8] Alcune delle caratteristiche più insolite di Zagato andarono perdute: il cofano era ora incernierato nella parte anteriore e il portello del vano della ruota di scorta fu cancellato. [8] Diverse altre modifiche fanno sì che la seconda serie si distingua dalla prima: nuove luci di guida, specchietti laterali spostati dall’ala alla porta, luci posteriori a forma di proiettile più grandi dalPeugeot 204 e ruote in acciaio stampato senza coprimozzo. [8]

  • Sport 1.3 S (Tipo 818.650 / 651): 1970-73. Stesso motore della serie 1 1.3 S, ma trasmissione a cinque velocità. Le prime versioni di queste vetture della serie 2 erano dotate di scocca della serie I con portello di scorta separato e luci posteriori più piccole e cofano e porte in alluminio. Versioni successive hanno scocche in acciaio, nessun portello di scorta e luci posteriori più grandi.
  • Sport 1600 (Tipo 818.750 / 751): 1971-72. Il top di gamma Sport, con 1.584 cc di motore dalla HF, che produce 115 CV (86 kW). Con una velocità massima di 118 mph (190 km / h), questa versione è stata la Fulvia di produzione più veloce mai prodotta. Il 1600 è stato caratterizzato da una griglia del radiatore nero opaco con bordi cromati, sovrascrittori in gomma nera sui paraurti, una fascia nera opaca sul cofano motore e nuove maniglie delle porte a filo. Alcuni di questi nuovi proiettori, come la griglia nera e le maniglie delle porte, hanno trovato la loro strada negli ultimi 1.3 S esempi.

All’interno del 1600 aveva un indicatore della temperatura dell’olio, sedili anatomici con poggiatesta e alzacristalli elettrici di serie. I cerchi in lega Cromodora simili a quelli del 1600 HF erano opzionali.

Concept car e specials

Lancia Fulvia Sport Spider (1968)

Alla ottobre 1968 Salone di Torino Milanese carrozziere Zagato ha mostrato la Fulvia Sport Spider, una 2 posti roadster basata sulla Fulvia Sport. [9] Il prototipo riprendeva le linee della Fulvia Sport, ma era costruito su un 150 mm (5,9 pollici); la capote ripiegata sotto una copertura di tonneau a filo . [8] L’auto era finita in rosso, con pelle abbinata che copriva i sedili, il cruscotto e il volante; Sono stati montati fari con rivestimento in plexiglas. [8] Dettagli esterni come la griglia anteriore nera e le luci posteriori derivate da Peugeot 202 hanno presentato in anteprima la Fulvia Sport Serie 1970 del 1970.

Lancia Fulvia Berlinetta Competizione (1969)

La Fulvia Berlinetta Competizione era una concept car di Ghia presentata per la prima volta al Salone dell’Auto di Ginevra del marzo 1969 . [10] Fu costruito con un corpo berlina a fastback progettato da Tom Tjaarda , su un pianale Fanalone Fulvia Rallye 1.6 HF e meccaniche.

Dunja 1.6 HF (1971)

La Dunja 1.6 HF era una concept car con carrozzeria coupé kammback basata su meccanica Fulvia 1600 HF, esposta per la prima volta allo stand Glasurit al Motor Show di Torino del 1971 . [11] Commissionato da Glasurit, fu progettato da Aldo Sessano e costruito dal carrozziere torinese Carrozzeria Coggiola [11] su un telaio Fulvia Coupé 1600 HF (tipo 818.740 ). [12]

Lancia Fulvia Coupé concept (2003)

Nel 2003 il nome Fulvia è stato riproposto su una concept car , la Lancia Fulvia Coupé Concept, ispirata alla Coupé originale del 1965. Progettata dal Centro Stile Lancia sotto la direzione di Flavio Manzoni , l’auto ha debuttato al Salone Internazionale Automobilistico di Francoforte del 2003 di Francoforte sul Meno . [13] La cabina rigorosamente a due posti era rivestita in pelle Testa di moro (marrone scuro) e rifinita in legno Tanganika , in contrasto con la vernice per esterni Avorio (avorio). Il prototipo era a trazione anteriore e pesava 990 kg (2,180 lb), ed era alimentato da un VVT da 1,8 litri 16 valvole montato trasversalmente , 140 CV (103 kW)motore quattro in linea che potrebbe spingere il veicolo da 0-100 km / h (0-62 mph) in 8,6 secondi e ad una velocità massima di 213 km / h (132 mph). [14] Le sospensioni erano montanti McPherson nella parte anteriore e bracci posteriori nella parte posteriore; i sistemi di controllo elettronici erano limitati all’ABS .[15] Despite the needs of a possible production model having been considered during development,[13] the new Fulvia Coupé did not progress past the prototype stage.

Motorsport

Rally

Fu con la Fulvia che Lancia tornò ufficialmente in regata dopo il suo ritiro dalla Formula 1 nel 1955; questa volta lo sforzo si è concentrato sui rally . [16] Nel 1965 la società assorbì la HF Squadra Corse, una squadra di corse private fondata da appassionati di Lancia che in precedenza ricevettero il supporto di una fabbrica, che divenne il gruppo di lavoro sotto la direzione di Cesare Fiorio . [16] Lo stesso anno la Fulvia Coupé fece il suo debutto in gara al Tour de Corse , piazzandosi all’ottavo posto. [17]A partire dal più leggero e potente Rallye HF del 1965, la versione speciale HF è stata messa in vendita al grande pubblico per migliorare l’omologazione delle auto da rally. Nel 1967 seguì la cilindrata più grande Rallye 1.3 HF. Mentre il motore V4 aveva raggiunto il limite del suo sviluppo, un nuovissimo motore V4 da 1,6 litri fu sviluppato e installato sul Rallye 1.6 HF del 1967. L’auto ha funzionato come un prototipo fino all’agosto 1969, quando ha ricevuto l’omologazione FIA. [18] Con l’eccezione del 1970, Fulvias vinse il Campionato Italiano Rally ogni anno dal 1965 al 1973. La carriera di rally della Fulvia raggiunse il suo apice nel 1972, quando Lancia vinse il Campionato Internazionale per i Costruttoridue turni in anticipo. I primi piazzamenti ai raduni validi per il campionato erano tre: Sandro Munari e Mario Mannucci nel famoso Rally di Monte Carlo , con un margine di 10 ’50 „sul secondo classificato, Larrousse / Perramond su una Porsche 911 S molto più potente , [19 ] Lampinen / Andreasson al Rallye du Maroc e Ballestrieri / Bernacchini al Rallye Sanremo Nel 1973 Lancia non ha ottenuto alcun podio valido per la prima stagione del Campionato del Mondo Rally diquell’anno , anche se per mano di Munari la Fulvia ha vinto il suo secondo Campionato Europeo Rally , dopo la vittoria del 1969 diHarry Källström . Durante la stagione del 1974 la Lancia Stratos HF sostituì nel raduno l’allora-invecchiamento Fulvia. Quell’anno Lancia vinse il suo secondo Campionato del Mondo, grazie anche ai punti conquistati dalla Fulvia nei primi rally, come il terzo posto Munari catturato nell’estimolante East African Safari Rally .

Endurance racing

La Fulvia Sport è stata preparata e gestita da diversi corsari in pista. Nel 1968 Zagato costruì 27 versioni della competizione Sport Competizione, oltre a due speciali che in seguito divennero noti come Sport Daytona. [7] Questi sono stati modificati con due fari tondi di dimensioni diverse sotto coperture in plexiglas, una griglia anteriore in rete, parafanghi allargati, vetri e vetri laterali in plexiglas, tappo del carburante a caricamento rapido e un motore da 155 CV. [7] Nel 1969 queste due auto vennero iscritte con Maglioli e Pinto come piloti alla 12 Ore di Sebring , piazzandosi al 18 ° posto assoluto, e alla 24 Ore di Daytona , dove ottennero una notevole vittoria di classe nella categoria dei prototipi sportivi e un 11 °. posto nel complesso [7]

Fulvia HF F & M

Nel 1969 tre gare Fulvia 1.6 HF furono trasformate in barchette da corsa da Claudio Maglioli . [20] Il tetto e circa 28 cm (11,0 pollici) di carrozzeria posteriore sono stati tagliati; il riscaldamento, il rivestimento interno, il sedile del passeggero e la coppia interna dei fari sono stati rimossi, mentre il serbatoio del carburante è stato sostituito dal sedile posteriore. [20] Nonostante i rinforzi del telaio servissero a preservare la rigidità senza il tetto, l’auto risultò più leggera di 200 kg (441 libbre) rispetto alla coupé; la sospensione doveva essere riaccordata per compensare il peso più leggero, e una foglia fu rimossa dalla molla anteriore. [20] La vettura fu battezzata Fulvia HF F & M Special, dove F e M rappresentavano le iniziali del team manager Lancia Cesare Fiorioe di Maglioli. La prima grande entrata in gara della barchetta fu la Targa Florio del 1969 . Sandro Munari e Rauno Altonen hanno guidato da uno a un nono posto in classifica e alla vittoria di classe. [20]

Riferimenti

  1. Salta su^ „Designer“ . ajovalo.net . Estratto il 2012-02-08 .
  2. Salta su^ Lancia Fulvia Coupé HF (1965)recuperato da www.autozine.org il 19 gennaio 2011
  3. Salta su^ Road & Track, settembre 1967, pagina 66
  4. Salta su^ Oude Weernink, Wim HJ (1984), Lancia Fulvia e Flavia: una guida da collezione , Croydon, Inghilterra: Motor Racing Publications, pp. 76-77,ISBN  1-899870-52-0
  5. Salta su^ „Lancia Fulvias – Road contro Rally“ . classicandperformancecar.com . Retrieved 2012-11-10 .
  6. Salta su^ „Lancia Fulvia Safari 1300“ . tonyerker.info . Retrieved 2012-11-10 .
  7. ^ Salta fino a:d „Tagli di Spada“. Automobilismo d’epoca (10): 84-91. Ottobre 2012.
  8. ^ Jump up to:a b c d e f g h i j k „Piú Zagato di cosí..“. AutoCapital (in Italian) (10): 86–93. October 1991.
  9. Salta^ Fenu, Michele (29 ottobre 1968). „Molte le novità fra i carrozzieri“ . La Stampa (in italiano). p. 9 . Estratto il 27 maggio 2015 .
  10. Salta su^ Bernabò, Feruccio (14 marzo 1969). „Successo delle auto italiane“ . La Stampa (in italiano). p. 13 . Estratto il 27 maggio 2015 .
  11. ^ Salta fino a:b „Due originali coupé con tanta“ grinta “ “ . La Stampa (in italiano). 6 novembre 1971. p. 19 . Estratto il 26 maggio 2015 .
  12. Salta su^ „I Carrozzieri e la Fulvia“ . alma.it.
  13. ^ Salta su:b Bianco, Piero (18 settembre 2003). „Francoforte effetto Italia“ . La Stampa (in italiano). p. 6 . Estratto il 27 maggio 2015 .
  14. Salta su^ Hemmes, Henny (26 agosto 2003). „Wedergeboorte Lancia Fulvia“[Lancia Fulvia rinata]. autoweek.nl (in olandese) . Estratto il 27 maggio2015 .
  15. Salta su^ „Lancia Fulvia Coupé show car“ . lanciapress.com (comunicato stampa). 26 agosto 2003 . Estratto il 27 maggio 2015 .
  16. ^ Salta su:b Amatori et al. 1992 , p. 345.
  17. Salta su^ Amatori et al. 1992, p. 344.
  18. Salta su^ Amatori et al. 1992, p. 346.
  19. Salta^ Fenu, Michele (28 gennaio 1972). „Munari su Lancia“ . Stampa Sera(in italiano). pp. 1, 9 . Estratto il 27 maggio 2015 .
  20. ^ Salta a:d „Lancia F & M Special“. Grace (in italiano). II (4). Aprile 2004.